fbpx

Blog

Filetto di vitello - carne di qualità

Come riconoscere la carne di qualità

Riconoscere la carne di qualità è di fondamentale importanza. Ciò che mangiamo influisce notevolmente sul nostro benessere, ed è per questo che non dobbiamo mai rinunciare alla massima qualità degli alimenti che acquistiamo. Nemmeno con la carne. Anzi, in particolare con la carne: per essere sicuri di acquistare una carne di qualità, macellata in allevamenti controllati e certificati, bisogna avere un occhio attento sia all’aspetto del taglio di carne che all’elenco delle voci in etichetta. L’etichetta sulla confezione indica aspetti importanti per conoscere la carne contenuta al...

Leggi di più...
Carne di Scottona - Macelleria Sparacello

Tutti pazzi per la carne di scottona!

Negli ultimi anni molti tagli di carne, incluso il caso della scottona, sono diventati sempre più richiesti, fino a diventare regolarmente inseriti nei nostri banconi di fresco. Dobbiamo subito chiarire che non si tratta in realtà né di un tipo di carne, né di un taglio specifico. Scottona è infatti il nome che indica la femmina di bovino giovane, tra i 15 e i 24 mesi, che non ha mai avuto una gravidanza. Perché “scottona”? L’origine del nome è incerta, se...

Leggi di più...
Marezzatura della carne - Macelleria Sparacello

Marezzatura della carne

La marezzatura della carne: una delle caratteristiche principali della carne di qualità è la presenza di grasso, in piccole nervature che attraversano il taglio e gli conferiscono una consistenza più morbida. Spesso si crede, erroneamente, che una carne ricca di grassi sia di qualità inferiore. Niente di più sbagliato: è proprio il grasso a modificare il sapore della carne cotta, rendendola più gustosa e più soffice alla masticazione. Gli esperti gastronomici distinguono il grasso in due tipologie. La venatura è la parte più estesa, tocchetti di...

Leggi di più...
Musso e carcagnolo | Macelleria Sparacello

Musso e carcagnolo: storia dello street food palermitano

Lo street food palermitano attinge a piene mani ai tagli di carne delle interiore, il cosiddetto quinto quarto che include milza, polmone, fegato, intestino - ma anche le cartilagini, in particolare quelli del muso e delle zampe del bovino. Musso e carcagnolo (letteralmente muso e calcagno) fanno parte di una tradizione culinaria millenaria, che parte dall’usanza degli antichi Greci di utilizzare le parti di scarto degli animali come cibo da vendere nelle agorà, in piazza, ai meno abbienti. I nervetti, ossia le cartilagini, vengono oggi servite...

Leggi di più...

Insalata di musso

INSALATA DI MUSSO Difficoltà: bassa Procedura Tagliate sia il muso che il piede a pezzi medio-piccoli. Sciacquateli con dell’acqua fredda e metteteli a colare. Mettete i pezzi di muso e piede in una insalatiera e aggiungete del sedano e delle carote tagliati a pezzetti. Aggiungete le olive e condite con olio, aceto di vino bianco, sale e pepe. Mettete in frigo e servite fredda. L’ideale è preparare l’insalata di musso e carcagnolo qualche ora prima di mangiarla in maniera tale che sia più saporita! Ingredienti muso...

Leggi di più...

La Salsiccia

"Origini della salsiccia" La prima testimonianza storica sull'uso di insaccare nel budello di maiale la sua carne insieme a spezie e sale è dello storico romano Marco Terenzio Varrone, che ne attribuisce l'invenzione e l'uso ai Lucani: «Chiamano lucanica una carne tritata insaccata in un budello, perché i nostri soldati hanno appreso il modo di prepararla dai Lucani» e, infatti, la salsiccia viene anche chiamata lucanica. Secondo una tradizione lombarda, invece, la sua invenzione sarebbe opera della regina longobarda Teodolinda, che...

Leggi di più...

Caserecce al pesto

CASERECCE AL PESTO      Ricetta: 4 persone  |  Tempo di preparazione: 15 min    |    Difficoltà: bassa   |  Tempo di Cottura: 10 min Procedura Per preparare le casarecce con pesto alla siciliana per prima cosa preparare il pesto alla siciliana. Iniziate lavando con cura i pomodori e dividendoli a metà. Una volta divisi, eliminate la parte interna e spremeteli per eliminare i semini e il succo in eccesso. Dopodichè lavate le foglie di basilico sotto acqua corrente e dopo averle...

Leggi di più...